Archivio mensile: dicembre 2010

La collusione nella relazione di coppia.

 collusione coppia.jpg

La collusione nella relazione di coppia.

La parola collusione deriva dal latino cum ludere ovvero: giocare insieme.

La collusione è quell’intesa inconfessata tra due partner, che agisce a livello inconscio; un “patto segreto” che si regge sull’incontro di due bisogni antichi non soddisfatti e che i partner cercano di colmare l’uno attraverso l’altro.

L’intreccio nevrotico tra i partner viene definito “stato collusivo”.

L’incontro tra bisogni fortemente compatibili genera l’energia dell’innamoramento e successivamente genera una “polarizzazione” o meglio una differenziazione nei comportamenti dei soggetti ed infine esplode in un “conflitto” aperto.

Ciascuno aveva pensato che l’altro lo avrebbe liberato dal proprio conflitto di fondo ed è questo il motivo dell’innamoramento: pensare che l’altro ci risolverà il problema.

Il tentativo fallisce a causa del rimosso di entrambi, cioè la parte che ciascuno nega di sé attribuendola all’altro che con il tempo chiede spazio d’ascolto fino a far scoppiare la coppia.

Il motivo di fondo dei conflitti di coppia sta dunque nel fatto che non ci si vuole confrontare con gli aspetti rimossi della personalità, né quelli propri né quelli del partner.

Affinché la relazione non si rompa è necessario effettuare una presa d’atto del punto in cui si è arrivati e stabilire un nuovo “patto” per risolvere il conflitto.

Certo l’amore è uno strano posto dove andare a cercare la salvezza. Diventi totalmente vulnerabile e infantile nei confronti di colui di cui sei innamorato; sei vulnerabile ai suoi stati d’animo, ai suoi bisogni. E diventi più vulnerabile anche nei confronti di te stesso, dei tuoi stessi bisogni. Una cosa amata tira fuori cose che non pensavi ci fossero in te, compreso il fatto che hai dei bisogni che probabilmente nessuno può soddisfare”

(J. Hillmann M. Ventura).

Si può sospettare l’esistenza di una collusione, cioè di un’intesa nevrotica, quando in un conflitto di coppia i due partner si impegnano in maniera inadeguata in un rituale stereotipato di lotta che assorbe gran parte dell’energia psichica e non consente a lungo andare a nessuno dei due né una soluzione del conflitto né una via di uscita dall’intreccio in cui è impigliato.

Jurg Willy individua quattro modelli di collusione di coppia:

  • Collusione narcisistica : amore come fusione

  • Collusione orale : amore come sollecitudine e sostegno

  • Collusone sadico-anale : amore come potere dominio/autonomia

  • Collusione edipico-fallica: amore come conferma maschile

Quale aiuto attraverso il counseling ?

COUNSELING INDIVIDUALE E DI GRUPPO

Il Counseling è una forma di sostegno emotivo e di aiuto alla persona finalizzato a migliorare il benessere individuale. E’ un intervento specifico per il potenziamento, la riorganizzazione e la mobilitazione delle risorse personali , per il fronteggiamento delle situazioni di crisi (non patologiche) siano esse evolutive o accidentali.

La relazione di aiuto si focalizza non tanto sulla ricerca dell’origine delle difficoltà ma piuttosto sulla valorizzazione e potenziamento delle proprie risorse , facendo sperimentare nuove modalità e nuove soluzioni, stimolando un adattamento creativo.

 Il Counseling può essere utilizzato al fine di affrontare e risolvere problemi specifici come:

prendere decisioni

affrontare crisi e cambiamenti

migliorare i rapporti con gli altri

valutare alternative di comportamento

affrontare separazioni e perdite

elaborare emozioni e conflitti interiori.

 

COUNSELING PER LA COPPIA

Una coppia non è la semplice somma di due individui. E’ un sistema formato da tre elementi: l’ IO , il TU e il NOI.
La coppia è tenuta insieme da un patto implicito, ha una fisionomia propria, una propria identità ed una propria storia.

Il malessere della coppia si può manifestare con atteggiamenti di crescente disinteresse verso l’altro e apatia (anche sessuale) ma anche con conflitti e litigi più o meno aspri o violenti. Il senso di frustrazione che ne deriva determina un progressivo deterioramento del rapporto di coppia.

Il Counseling di coppia è un percorso di tipo relazionale che permette alla coppia di raggiungere una nuova stabilità all’interno del proprio sistema.

Il nuovo assetto che assumerà la coppia è il risultato dell’obiettivo che la coppia si prefigge di raggiungere. In altre parole la coppia si serve dell’aiuto del counselor per decidere quali sono le questioni da discutere, i problemi da risolvere ed il tipo di lavoro da intraprendere.

 

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

La nuova disciplina sull’affido condiviso, introdotta dalla legge del 8 febbraio 2006 n. 54, in caso di separazione, prevede in via prioritaria l’obbligo di affidare i figli ad entrambi i genitori.

La mediazione familiare consiste nell’intervento di un terzo neutrale, il mediatore, che aiuta la coppia a ristabilire una comunicazione interrotta per permettere di arrivare ad un accordo di separazione consensuale.

La mediazione permette di considerare la separazione della coppia non solo come la fine di un contratto ma anche come la nascita di una nuova progettualità: “non più coppia ma genitori insieme”.

Infatti non è tanto la separazione e il divorzio che comportano sofferenze ai figli, quanto la conflittualità che rimane tra i genitori , a volte per tutta la vita.Vivere consapevolmente la propria genitorialità significa garantire il diritto ai figli che l’amore e la cura dei genitori è “per sempre” anche quando l’amore nella coppia non c’è più.

scarica la brochure: Brochure Counseling v.5.0.pdf